Nokia: dalla carta igienica alle telecomunicazioni

Nota come una delle società più riconosciute e universalmente apprezzate, Nokia Corporation, o semplicemente come Nokia, è una multinazionale finlandese, produttrice di apparecchiature per telecomunicazioni. Oggi è costituita da due divisioni: Nokia Technologies, che si occupa di ricerca e sviluppo per nuove tecnologie, prodotti consumer e licenze di brand e brevetti, e Nokia Networks, che rappresenta il “core business” dell’azienda e si occupa di software e servizi per infrastrutture di rete. 

Credits: firstonline.info

Le modeste origini della società multinazionale finlandese

Sebbene la Nokia abbia trovato e coltivato il successo nel corso degli anni in una vasta gamma di settori industriali tra cui cavi, prodotti di carta, stivali di gomma, pneumatici, televisori e telefoni cellulari, l’azienda in realtà nacque come una cartiera. Il nome Nokia fu ispirato dal fiume Nokianvirta, lungo il quale, nel 1865, l’ingegnere minerario Knut Fredrik Idestam aprì una fabbrica di cellulosa, vicino Tampere, in Finlandia.

Credits: scenarieconomici.it

Negli anni, l’azienda di Fredrik crebbe e divenne il principale produttore finlandese di carta (compresa quella igienica). Col tempo, vennero costruiti nuovi stabilimenti, lontano dal fiume Nokianvirta.

Credits: it.m.wikipedia.org

Idestam si ritirò nel 1896, nominando l’amico e socio Mechelin come presidente dell’azienda. Successivamente, all’inizio del XX secolo, un’impresa leader nella fabbricazione di stivali in gomma, la Finnish Rubber Works (fondata da Eduard Polòn), venne attratta dall’energia prodotta in riva al fiume. Stabilì, infatti, i suoi insediamenti produttivi nelle vicinanze e iniziò ad usare Nokia come marchio.

Nel 1922, Nokia Ab stipulò una partnership con Finnish Rubber Works e Kaapelitehdas (la principale industria nazionale di cavi), tutti ora sotto la guida di Polón. Le tre realtà si fusero nel 1967, costituendo l’odierna Nokia. Nokia d’altronde si aprì all’elettronica solamente nel 1963 con le apparecchiature radio.

Gli sviluppi della Nokia Corporation: il primo telefono

Alla carta, nel 1898 la Nokia affiancò la produzione della gomma, realizzando prima stivali e poi pneumatici per auto. E nel 1912 l’esperienza con la gomma li spinse a realizzare cavi per elettricità e comunicazioni. Nel 1979, Nokia stipulò una joint venture con il principale produttore scandinavo di TV a colori Salora per creare Mobira Oy, una società di radiotelefonia. Alcuni anni dopo, Nokia lanciò il primo sistema cellulare internazionale al mondo denominato Nordic Mobile Telephone Network, che collegava Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia. Questo fu seguito dal lancio del primo telefono (per auto) dell’azienda e del mondo soprannominato Mobira Senator, che pesava circa 10 kg.

Credits: thesun.co.uk

Nel 1984, Nokia acquisì Salora e cambiò il nome della sua unità di telecomunicazioni in Nokia-Mobira Oy. L’anno segnò anche il lancio di Mobira Talkman, pubblicizzato come uno dei primi telefoni trasportabili. Ciò significa che poteva essere utilizzato sia dentro che fuori dall’auto, sebbene pesasse ancora intorno ai 5 kg.

Credts: imgur.com

Tre anni dopo, l’azienda introdusse il suo primo telefono compatto chiamato Mobira Cityman 900, dal peso di 800 grammi. Fu anche il primo telefono cellulare portatile al mondo. Il telefono divenne iconico dopo che l’allora presidente dell’Unione Sovietica, Mikhail Gorbachev, lo usò per effettuare una chiamata da Helsinki a Mosca durante una conferenza stampa nell’ottobre 1987.

Credits: pikabu.ru

A quel tempo, la società non aveva alcun interesse nella produzione di telefoni cellulari, che il consiglio di amministrazione considerava simili ai gadget di James Bond: dispositivi improbabilmente futuristici e di nicchia.

L’anno successivo rappresentò una fase difficile per la società in quanto ci fu un forte calo dei profitti a causa della forte concorrenza sui prezzi nei mercati dell’elettronica di consumo. Il suo CEO Kari Kairamo si suicidò a causa dello stress.

Gli anni del successo

Negli anni ’90, la massima leadership di Nokia decise di concentrarsi esclusivamente sul mercato delle telecomunicazioni e, di conseguenza, le unità dati, alimentazione, televisione, pneumatici e cavi dell’azienda furono vendute nei primi anni del decennio. Iniziarono i giorni di gloria per l’azienda.

Nel 1992 venne lanciato il primo telefono GSM della società, il Nokia 1011, che, secondo quanto riferito, aveva un tempo di conversazione di 90 minuti e poteva memorizzare 99 numeri di contatto.

Nel 1994, Nokia lanciò il 2100 con l’ormai iconica suoneria Nokia . Questo fu un successo così grande che continuò a vendere più di 20 milioni di telefoni in tutto il mondo, molto più alto di quanto previsto dalla società.

Credits: youtube.com

Lo stesso anno, Nokia lanciò il 6110 e il 5110, che erano molto più avanti del loro tempo e della concorrenza. Questi dispositivi offrivano un modo molto più elegante di messaggistica di testo, bellissime opzioni di personalizzazione del sistema di menu come copertine a scatto a più colori.

A questi dispositivi seguirono il 7110, che offriva funzioni web di base, il 7650, con una fotocamera integrata e dal 6650, il primo smartphone abilitato 3G dell’azienda.

Alla fine degli anni ’90 Nokia fu in grado di affermarsi come leader globale. D’altra parte le sue rivali Siemens, Apple e Sony non erano ancora in grado di prevedere le esigenze dei clienti ed erano molto indietro rispetto a Nokia.

Nokia si mosse senza intoppi in questi anni con un fatturato che aumentò del 500 percento da $ 8,9 miliardi a $ 42,8 miliardi.

Gli anni del declino

Nel 2001, i profitti di Nokia crollarono per la prima volta dopo essere diventato il primo produttore di telefoni al mondo. Ciò fu dovuto principalmente al rallentamento del mercato della telefonia mobile.

Un altro inconveniente avvenne nel 2007, quando la società dovette ritirare l’enorme quantità di 46 milioni di batterie difettose. Quel che è ancora peggio è che le batterie, prodotte tra la fine del 2005 e la fine del 2006, apparvero su un’ampia gamma di telefoni Nokia, il che significava che gran parte del portafoglio di dispositivi dell’azienda ne risentiva.

Il 29 giugno 2007, Steve Jobs annunciò che Apple avrebbe lanciato la propria serie di smartphone chiamata iPhone 1, che cambiò per sempre l’ecosistema mobile. Mentre Nokia era impegnata nella realizzazione di funzioni telefoniche, Apple aveva annunciato smartphone.

Google sviluppò Android nel 2008 e altri concorrenti come Samsung, Gionee, Huawei e HTE si si unirono ad Android e iniziarono a creare smartphone. Nokia era troppo grande per adattarsi a cambiamenti improvvisi. Quindi ripose la sua fiducia nel suo hardware per avere un impatto sul mercato che diede inizio, così, al fallimento di Nokia.

Ma i clienti passarono rapidamente da Nokia ad altri smartphone. Dopo essere stata tra le prime vendite di cellulari nel 2008, Nokia dovette affrontare un enorme declino nel 2009 stesso. Ma Nokia rimase fedele al suo sistema operativo Symbian, nonostante la crescente popolarità di Android e iOS.

Credits: theglobeandmail.com

Nel 2010 Nokia assunse Stephen Elop come CEO dell’azienda per cambiare le sue fortune. Stephen lavorava in Microsoft e Nokia dovette pagare un risarcimento al precedente datore di lavoro per portarlo a bordo. Era un amministratore delegato con alta competenza ma basso carattere.

Nel suo discorso, disse che Nokia era come una piattaforma in fiamme: o dovevano saltare in acqua o spegnere il fuoco per salvarli. Ha deciso di optare per la strategia dell’oceano blu. Nokia ha deciso di unirsi a Microsoft per il sistema operativo e produrre autonomamente l’hardware.

Nonostante sapesse che la necessità del momento era Android per Nokia, Stephen decise di passare alla Microsoft, non compatibile con i dispositivi mobili. Aveva buoni rapporti con l’allora CEO di Microsoft, Steve Ballmer, e sperava di sostituirlo. Quindi il legame tra Microsoft e Nokia era necessario per Stephen Elop ma non per Nokia.

Credits: meu-smartphone.it

Le motivazioni del declino

Il fallimento di Nokia è stato attribuito alla decisione sbagliata presa dalla società. La gente pensa che Nokia abbia fallito perché non è cambiata, il che non è affatto vero. Nokia è cambiata, ma ogni cambiamento era l’opposto di Android e iOS. L’azienda ha impiegato troppo tempo per abbracciare la rivoluzione degli smartphone e quando finalmente lo ha fatto ha commesso troppi errori nella sua strategia.

Tuttavia, come si suol dire, nulla è permanente. Nonostante tutto, Nokia è passata da produttore di carta igienica a leader nel mondo spietato delle telecomunicazioni globali. Rimarrà sempre una parte enorme della storia dei telefoni cellulari che non verrà mai dimenticata.

QRIOS FACT CHECKING

Cuenews.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l'attendibilità delle informazioni riportate su qrios.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

È ARRIVATO IL TUO MOMENTO

Sii parte anche tu di questo progetto

SEGUICI

512FansLike
0FollowersFollow

I PIÙ LETTI