L’Interpol lancia ID-Art: l’app contro il furto di opere d’arte

Negli scorsi mesi l’Interpol ha rilasciato una nuova app: ID-Art. Questa nuova app permette di elencare oltre 50.000 opere d’arte di tutto il mondo, creando il più grande database di opere d’arte rubate. È una sorta di catalogo al quale possono accedere investigatori, sia specializzati che dilettanti, collezionisti e commercianti. Grazie a quest’app innovativa, l’Interpol si pone l’obiettivo di combattere i ladri di opere d’arte e proteggere il patrimonio culturale di tutto il mondo. 

Perché l’Interpol ha pensato ad un’app? 

L’Interpol è un’organizzazione internazionale creata per favorire la cooperazione della polizia e contrastare i crimini internazionali. È attualmente l’unica organizzazione di polizia presente in quasi tutto il mondo; oltre 180 Paesi aderiscono e sono veramente pochissimi quelli che non ne fanno parte. L’Interpol nasce a Vienna nel primo dopoguerra, precisamente nel 1923, e inizialmente si struttura come organizzazione principalmente europea, sostenuta però anche dagli Stati Uniti. È solo a metà degli anni ’80 che gli Stati membri aumentano, raggiungendo negli ultimi vent’anni i numeri attuali. Un ufficio centrale presente in ogni Paese collabora con i corrispettivi degli altri Paesi e con la sede centrale, che si trova in Francia a Lione.

interpol - logo
Credits: Interpol

Le tre categorie su cui si concentra maggiormente il lavoro dell’Interpol riguardano le organizzazioni criminali, reati economici (riciclaggio, estorsione, corruzione e contraffazione), e terrorismo e reati contro persone e proprietà. Il furto di opere d’arte, reato per il quale è stata creata l’app ID-Art, rientra tra questa terza categoria di interesse dell’Interpol

app Interpol - quadro
Credits: journalchc.com

L’ultimo sforzo dell’Interpol va proprio nella direzione dell’innovazione, con la creazione di un’app. ID-Art ha anche l’obiettivo di fornire un servizio a agli esperti del settore; per esempio, i collezionisti possono usare alcune funzioni di ricerca per verificare l’autenticità di certi articoli. In generale, però, l’obiettivo principale dell’app dell’Interpol è di rendere più snello il processo di identificazione e denuncia delle opere d’arte rubate. Cosa c’è di più semplice di un’app, disponibile per ogni smartphone, sia Android sia Apple?

Un’app per tutti: ecco in che modo l’Interpol vuole proteggere il patrimonio culturale

Un primo tratto interessante per l’app ID-Art, secondo l’Interpol, è che questa sia accessibile a tutti e pubblica. L’applicazione permetterà di accedere un database globale, contenente tutte le informazioni principali sulle opere d’arte. Insieme a queste informazioni, l’app conterrà anche dati certificati dall’Interpol proprio in merito ai furti e scomparse. Si potranno fare sia ricerche fotografiche, sia per parole chiave. 

app Interpol - slide funzionamento
Slide funzionamento di ID-Art
Credits: Interpol

Cosa potranno fare gli utenti grazie ad ID-Art

L’applicazione sviluppata dall’Interpol è disponibile in diverse lingue: inglese, francese, spagnolo ed arabo. Può anche essere scaricata gratuitamente da chiunque sia su Apple Store che Google Play, quindi è raggiungibile pressoché da chiunque disponga di uno smartphone.

Ogni utente, dopo aver scaricato l’app, prima di tutto può accedere all’enorme database dell’Interpol in merito alle opere d’arte rubate. È inoltre possibile segnalare luoghi culturali che potrebbero essere a rischio così come creare un inventario dedicato alle collezioni private. Tramite ricerca fotografica o per parole chiave, la polizia, i responsabili di dogana ma anche i collezionisti possono verificare all’istante se un certo oggetti figura tra le oltre 52 mila opere d’arte registrate tra quelle rubate. Allo stesso tempo, anche i privati possono beneficarne: i collezionisti possono creare un inventario delle proprie opere e così renderle tracciabili in caso di furto.

app Interpol - screenshot app
Slide funzionamento di ID-Art
Credits: Interpol

L’app ha visto piccoli successi già dalla sua prima versione e proprio legati all’Italia. I carabinieri italiani sono riusciti a risalire ad alcune statue rubate, messe in vendita illegalmente tramite una piattaforma. Sempre grazie ad ID-Art, le autorità olandesi hanno recuperato due dipinti rubati.

QRIOS FACT CHECKING

Cuenews.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l'attendibilità delle informazioni riportate su qrios.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

È ARRIVATO IL TUO MOMENTO

Sii parte anche tu di questo progetto

SEGUICI

512FansLike
0FollowersFollow

I PIÙ LETTI